Allo Spazio CEC nel centro storico di Perugia “Il bello del brutto”, mostra personale di Giulio Brandelli

Venerdì 14 luglio dalle ore 18 in poi in via Bruschi 2b, tra musica funk, street art e un aperitivo estivo

Per dare enfasi alle celebrazioni per i cinquant’anni di Umbria Jazz, venerdì 14 luglio dalle 18.00 in poi allo Spazio CEC verrà organizzato un evento culturale in cui l’arte si fonde con la musica per creare un’atmosfera conviviale tra divertimento, passione e lifestyle.

Si tratta della prima mostra personale di arte dedicata alla street art, con contaminazioni pop e soprattutto con una forte influenza dell’art brut, in stile Basquiat. L’ingresso è libero.

Il protagonista dell’iniziativa è Giulio Brandelli, in arte Giubra, un giovane artista perugino capace di trasformare il suo amore per l’artigianato e la sua creatività in diverse forme d’arte che trovano la loro espressione nei disegni, nei dipinti, nelle sculture in legno e nella musica.

I mondi che disegna provengono dalla sua infanzia, quando ha iniziato a ritrarre tutti i tipi di

animali e persone, i cui corpi venivano fusi insieme per inventare creature immaginarie, antropomorfe, bizzarre: sicuramente strane per un bambino di sei anni. Fino a poco tempo fa questi mondi molto speciali erano rimasti nascosti da qualche parte tra i suoi ricordi e la sua immaginazione. Pur non avendo potuto frequentare l’istituto d’arte, ha riversato la sua inquietudine artistica nella musica diplomandosi in tromba e conseguendo la successiva laurea biennale. Finalmente, dopo aver trovato l’equilibrio interiore giusto, anche i suoi “amici immaginari” ono saltati fuori da sotto al letto del bambino e hanno trovato la loro via d’uscita, diventando, oggi, la prima fonte di ispirazione dei suoi disegni.
Non ama dire troppo delle sue opere; preferisce che siano esse stesse a parlare direttamente alla gente. Insomma la sua arte, in cui il brutto va alla ricerca del bello e dove spesso il bello ha la meglio sul brutto, va compresa in profondità. Le opere di Brandelli o si amano subito a prima vista, oppure si possono non capire a un primo sguardo fugace. Sta proprio nella ricerca di un senso a ciò che viene manifestato con la sua espressione creativa il valore aggiunto di questo eclettico quarantenne, autodidatta. Nel corso dell’evento, dopo una prima parte di presentazione dell’artista, sarà possibile ammirare la mostra espositiva sulle note musicali di funk & jazz dello stesso Giulio Brandelli che con la sua tromba farà saltellare il pubblico mentre si degusta un aperitivo estivo.

“Con questa prima mostra personale di Giulio Brandelli sull’arte contemporanea – esordisce Carlo Timio, project manager di eventi e organizzatore dell’iniziativa insieme all’immaginatore Daniele Buschi – diamo avvio a un ciclo di iniziative culturali finalizzate a rendere la città di Perugia una fucina sulla contemporaneità per cercare di far dialogare plasticamente il tradizionale, l’innovazione, la storia e la creatività in un contesto d’eccezione, come lo Spazio CEC, che si presta perfettamente con la finalità che ci siamo prefissati”.

La mostra inaugura il 14 Luglio dalle ore 18 in poi allo Spazio CEC, in via Bruschi 2b, nel centro storico di Perugia. Seguirà un cocktail estivo. La mostra è visitabile anche nel weekend 15-16 luglio (orario 16-19).

What do you think?

Written by Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mika a Umbria Jazz, quell’insopportabile leggerezza dell’essere

Gas, Arera: “Nel 2022 in Italia crollano i consumi a -10%, primo fornitore Algeria”