in

Benjamin Labatut: ‘Nuovo romanzo sarà sulla logica moderna’

(Adnkronos) – “Sto lavorando su un nuovo libro: tutto ciò che posso dire è che è fondamentalmente sulla logica moderna. Voglio indagare le grandi trasformazioni legate allo sviluppo della logica, che magari sono passate inosservate”. Lo ha annunciato lo scrittore cileno Benjamin Labatut a Lignano Sabbiadoro (Udine), ricevendo la quarantesima edizione del Premio Hemingway per la sezione Letteratura. “La logica moderna ha trasformato il mondo, ma le cose molto profonde vengono completamente non notate”, ha aggiunto Labatut, diventato autore di culto con “Quando abbiamo smesso di capire il mondo” (Adelphi, 2021) e “Maniac” (Adelphi, 2023), romanzi capaci di trascinare il letto­re nei labirinti della scienza, lasciandogli intravedere l’oscurità che la nutre. 

“Non mi sono mai posto l’obiettivo di unire scienza e letteratura – ha chiarito Labatut conversando con l’Adnkronos – Sono stato sempre affascinato dai limiti del pensiero e sono arrivato alla scienza cercando i suoi limiti. La scienza è davvero una delle uniche cose che ci porta in contatto con ciò che è non conosciuto del mondo, ciò che è oscuro e ciò che è ancora meraviglioso. Sono, quindi, arrivato alla scienza dal punto di vista penso più vicino al mistero e per questo i miei libri hanno un sapore strano. Secondo me la scienza è una vera e propria fonte di misteri assai profondi e al giorno d’oggi la scienza è una delle cose che ci riporta in contatto con l’inconoscibile, l’oscurità e la meraviglia del mondo”.  

Autore pluripremiato a soli 44 anni, con una serie di riconoscimenti recenti anche nel nostro Paese, Labatut ha osservato: “Le poche cose sulle quali sono pienamente felice sono l’accoglienza che ricevono i miei libri in Italia. E io accetto tutti gli inviti pur di arrivare in Italia, perché qui c’è semplicemente troppa bellezza. Provo una felicità spudorata per l’accoglienza meravigliosa che i miei libri hanno avuto in Italia”.  

Quanto ai premi letterari, ha spiegato Benjamin Labatut, “in genere mi fanno schifo, non mi piacciano troppo, ma nel caso del Premio Hemingway ho guardato la lista dei vincitori e mi sento orgoglioso di essere parte di un gruppo che comprende autori che ammiro”.  

“I premi letterari, però, non possono essere la misura per uno scrittore – ha avvertito il romanziere cileno che ha vinto l’English Pen Award, il Premio Galileo, il Premio Malaparte ed è stato selezionato per l’International Booker Prize – Uno scrittore si allena sempre a fare qualcosa che ha un valore per sé e che non ha bisogno di lettori, successo o applausi. Quindi, se ottieni un tipo di riconoscimento, lo prendi sapendo che è solo una fase, è un momento. E anche quando le persone non ti leggono, devi continuare a scrivere. Io ho un doppio atteggiamento nei confronti dei premi: da un lato, ovviamente, mi rendono felice, dall’altro mi provocano anche vergogna. Ad esempio mi vengono in mente le parole di Roberto Bolano che ha sempre detto: ‘affinché la tua opera si possa chiamare un’opera d’arte deve passare inosservata’. Questo è il requisito di base”.  

Benjamin Labatut ha poi definito “strana la categoria della letteratura contemporanea”, spiegando: “La maggior parte degli scrittori che mi piacciono sono morti, ma questo è solo perché alla letteratura serve il tempo. Il tempo è un buon giudice della qualità e di solito gli autori devono essere morti per essere pienamente apprezzati”. Infine una battuta sull’intelligenza artificiale e sull’impatto che sempre più avrà sull nostre vite reali: “Nessuno sa quali saranno le conseguenze ma l’inconoscibile tocca tutti noi. Sono in corso progressi a ritmo vertiginoso che potrebbero rendere la vita non più vivibile. Ci sono anche delle questioni per le quali l’intelligenza artificiale è perfetta. Ci sono alcuni tipi di invenzioni che cambiano tutto e l’intelligenza artificiale è una di quelle destinate probabilmente a cambiare tutto”. 

Written by Adnkronos

Fedez, ecco la nuova cameretta di Leone e Vittoria (con imprevisto) – Video

Italia-Svizzera, oggi ottavi Euro 2024: orario e come vederla in tv