in

Corciano: Arriva il Perugino … in videomapping e non solo

Assessore Francesco Mangano, tante iniziative integrate per offrire più di un motivo per visitare il borgo

Assessore Francesco Mangano, tante iniziative integrate per offrire più di un motivo per visitare il borgo

“Grazie al sostegno della Fondazione Perugia, che ha finanziato parte del progetto ‘Il Perugino a Corciano: la Pala dell’Assunta, storie d’arte e devozione locale’, presentato dagli Uffici Comunali nell’ambito del Bando Arte 2023, le celebrazioni del Maestro si svilupperanno in una serie di iniziative integrate, che, spaziando dalla storia, alla cultura, allo sport, all’enogastronomia, offriranno una vasta gamma di motivi per visitare il nostro borgo”.

Così l’assessore alla Cultura Francesco Mangano, introduce una delle iniziative ideate per la ricorrenza, ovvero l’accensione, da sabato 24 giugno, sul campanile della Chiesa di Santa Maria Assunta della videoproiezione rappresentante la Vergine dipinta da Pietro Vannucci detto il Perugino nel 1513 e custodita nell’omonima Chiesa. Un suggestivo invito ad entrare all’interno, per apprezzare una delle meraviglie lasciate ai posteri dal Maestro umbro. “Per tutta l’estate – sottolinea l’assessore – le notti corcianesi saranno impreziosite dalla grande videoproiezione sul campanile e aperture serali straordinarie della chiesa parrocchiale,ogni venerdì e sabato sera, con visite accompagnate al dipinto”.

Il visitatore, entrando a Corciano dalla Porta di Santa Maria che, con il suo Torrione circolare è ormai eletta a simbolo del borgo, incontra subito la massiccia Chiesa di Santa Maria Assunta, risalente al XIII secolo, custode di due capolavori che da soli motivano la visita: la Pala dell’Assunta del Perugino e il Gonfalone del Bonfigli, datato 1472. Nell’anno del cinquecentenario della morte del “Divin pittore”, il Comune ha voluto omaggiarlo con una serie di iniziative, – aggiunge l’assessore –  delle quali il videomapping è soltanto una.

“Nel corso di Corciano Festival – Agosto Corcianese, in programma dal 5 al 15 agosto la Taverna del duca, proporrà tutte le sere, nell’ambito delle sue cene medievali, un curioso piatto a tema ‘Perugino’, inoltre saranno organizzate escursioni che, sui tracciati dei ‘Sentieri del Perugino’, arriveranno a Corciano, attraversando gran parte del paesaggio rurale del nostro territorio, con tappa anche ai borghi di San Mariano e Solomeo”. Per chi vorrà ulteriormente approfondire “la sera del 10 agosto – spiega ancora Mangano – in una conferenza divulgativa accompagnata da musica dal vivo, esperti d’arte e di storia presenteranno l’opera, i dettagli artistici e il contesto in cui venne realizzata; verrà inoltre digitalizzato e mostrato in 3D, per la prima volta, il contratto del 18 dicembre 1512 con cui venne assegnato l’incarico al Vannucci per una somma di 100 fiorini.

L’atto, curiosamente stipulato dal pittore con gli abitanti del borgo di Corciano, ha per oggetto  l’esecuzione di una tavola da destinarsi all’altare della chiesa parrocchiale, con soggetto la Madonna assunta in Cielo al cospetto degli increduli apostoli. Il valore aggiunto del dipinto – conclude – ancora completo di due tavole di predella è, al contrario di tante altre tavole lignee eseguite dal pittore, quello di non essere stato trasferito in un museo, ma di trovarsi ancora nel luogo di culto per cui è nato e che, per l’occasione, cercheremo di rendere più fruibile possibile a tutti coloro che vorranno apprezzarlo”.

Written by Redazione

Monteluce e il futuro del quartiere nella IV tappa di Perugia&Friends

A Terni in corso le riprese di “Amici per caso” per la regia di Max Nardari