in

Dalla militanza alla redazione, Roberto Roscani racconta le ‘tante storie’ de l’Unità

(Adnkronos) – Una storia lunga cento anni. Un quotidiano che ha accompagnato l’evoluzione della società italiana descrivendone i cambiamenti, i passaggi politici più complessi e i fatti di cronaca che hanno colpito l’opinione pubblica. Eventi tragici come il delitto Pasolini, oppure l’addio di Calvino al partito Comunista. Fatti e vicende che L’Unità ha seguito fin dalla sua nascita, il 12 febbraio del 1924, cinque mesi dopo la proposta di Antonio Gramsci di dare vita ad un giornale che desse voce agli operai e ai contadini e al vasto mondo della sinistra. Vicende che il giornalista Roberto Roscani racconta nel volume ‘L’Unità. Una storia, tante storie’, pubblicato da Fandango Libri. Giovane militante del partito Comunista, Roscani entra a far parte della redazione romana del quotidiano nei primi anni Settanta rimanendovi fino al 2.000, quando il giornale chiude improvvisamente.  

“Prima ancora di scriverci – racconta Roscani nell’introduzione del suo libro – l’Unità l’ho letta. Ma per prima cosa l’ho diffusa. Non venduta. Non dovete immaginare gli strilloni col giornale che ancora qualche anno fa si vedevano ai semafori. Diffondere voleva dire andare nelle case, suonando ai campanelli di domenica mattina, farsi dire cento no e qualche sì. A Ponte Milvio, il mio quartiere e la mia sezione del Pci, ne facevamo arrivare ogni domenica cento, duecento copie all’edicola in piazza”.  

Dalla diffusione, Rusconi è poi passato a scrivere per il quotidiano che, di fatto, è diventato la sua ‘casa’ per tanti anni. “Poi all’Unità ci sono finito dentro ed è diventata casa mia per decenni, fino a quando, in un’estate dell’Anno Santo, con Roma invasa di pellegrini e Papaboys, a fine luglio del 2000, non ha chiuso i battenti”, afferma Roscani. Così, capitolo dopo capitolo, l’autore mette in scena le vicende redazionali rappresentando, al tempo stesso, la vita culturale e politica del Paese raccontata dal giornale. Facendo leva sui suoi ricordi e sull’esperienza maturata sul campo, il giornalista ritrae anche i colleghi, direttori e non solo, che con il loro impegno hanno contribuito a trasformare L’Unità in un punto di riferimento per generazioni di militanti e di avversari politici.  

Written by Adnkronos

Musa tv n. 6 del 7 febbraio 2024

Il realismo magico di Donghi in mostra a Palazzo Merulana. Gualtieri: ‘Straordinaria, va vista’