in

Editoria, Marra: “IA macchina possente ma servono regole”

(Adnkronos) – Le nuove tecnologie sono sempre “fonte di nuove opportunità” e l’intelligenza artificiale “è una macchina possente”, che però “non crea, non inventa”. Certo, “avrà un’influenza importante che dovrà essere regolamentata”, serviranno “regole più stringenti”, ma “la creatività appartiene all’uomo” e “su questa frontiera la macchina, anche la più sofisticata, arriverà sempre dopo”. A parlare è l’editore dell’Adnkronos, Pippo Marra, in un’intervista rilasciata al ‘Corriere della Calabria’ dopo la firma di un importante accordo di cooperazione con l’agenzia di stampa del Sultanato dell’Oman. 

Marra, che, partito da Castelsilano, “un piccolo paese, in una terra che non offriva grandi opportunità”, come la Calabria, è arrivato a fondare un’agenzia di stampa di primaria importanza a livello nazionale, si dice “ottimista” sul futuro: “Confido che le nuove generazioni sappiano cogliere le opportunità che si nascondono nella globalizzazione”, spiega, raccontando di aver “sempre cercato di spingere l’AdnKronos lungo percorsi più innovativi. E infatti – osserva – siamo forse l’agenzia più al passo coi tempi, più coerente e a suo agio in un contesto segnato dalle nuove tecnologie”. “Abbiamo fatto grandi progressi e molte altre novità sono già in cantiere – sottolinea – A una condizione però quella di non farsi prendere da un affanno che non aiuta a distinguere tra le notizie e le cose che restano e mettono radici da quelle più effimere destinate a volare via”. 

“La velocità dell’informazione può generare equivoci e superficialità – mette in guardia – Ma anche in questo caso voglio essere ottimista. In passato l’ignoranza era molto più diffusa. E ai giorni nostri proprio la tecnologia ci può aiutare ad essere più accurati, meno imprecisi. Il sentimento catastrofico con cui alle volte si guarda alle novità tutto sommato è mal riposto. Certo, non bisogna abbassare la guardia”. 

Marra parla anche della ‘sua’ Calabria: “Ha bisogno innanzitutto di valorizzare di più i suoi legami con il resto del Paese. Parlo di infrastrutture, prima di tutto. Ma non solo. Anche l’informazione a suo modo è una infrastruttura. Avvicina, connette, lega territori diversi a un destino comune. E tanti operatori dell’informazione che vengono da quella terra e che si stanno facendo largo nel panorama più complesso del Paese possono essere utili a rafforzare le connessioni con i territori più sviluppati, o magari più fortunati, quelli collocati più a nord”.  

Ai giovani che si affacciano alla professione, Marra consiglia “umiltà, passione, scrupolo professionale. E attenzione verso gli altri, soprattutto. Il giornalismo – dice l’editore dell’Adnkronos – è sempre un occhio aperto e rivolto al prossimo. È una curiosità, una ricerca. Dentro questa cornice ognuno poi trova il modo giusto di servire e di affermarsi. È la ruota della vita. Bisogna salirci con il giusto grado di generosità. Perché ogni successo, anche quello che ci rende più orgogliosi di noi stessi, deve sempre qualcosa al prossimo”. 

Written by Adnkronos

007 Kiev, a maggio nuova offensiva russa – Ascolta

Bonus gasolio, domande al via dal primo aprile