in

Enterovirus neonati in Europa, alert dell’Oms

(Adnkronos) – L’allarme era partito dalla Francia ed era stato diffuso dall’Organizzazione mondiale della sanità il 31 maggio. Oltralpe i medici avevano rilevato un aumento dei casi di sepsi grave fra i neonati, associata a un enterovirus (Echovirus-11, E-11). Nel dettaglio il Paese aveva registrato 9 sepsi con compromissione epatica e insufficienza multiorgano con 7 morti, tra luglio 2022 e aprile 2023 da 4 ospedali in tre regioni diverse. Da allora altri Paesi hanno fatto verifiche e segnalato E-11, Italia compresa. Nell’ultimo report dell’Oms, diffuso oggi, risulta che al 26 giugno “7 casi di infezione neonatale da E-11 sono stati confermati in Italia tra aprile e giugno 2023”. Tre di questi piccoli pazienti sono stati ricoverati in Terapia intensiva neonatale.  

Al momento della segnalazione, un solo caso di quelli intercettati dai medici italiani rimaneva in terapia intensiva, uno stava mostrando un miglioramento clinico e uno era già stato dimesso. Altri due casi, risultati positivi allo screening, non presentavano sintomi significativi. Ulteriori indagini sono in corso e si è in attesa di dati clinici ed epidemiologici. Insieme all’Italia, altri Stati della regione europea hanno notificato all’Oms casi di E-11 tra i neonati: Croazia, Spagna, Svezia, Regno Unito. “Sulla base delle informazioni limitate disponibili, l’Oms valuta che il rischio di salute pubblica per la popolazione generale sia basso. Continuiamo a incoraggiare i Paesi a monitorare e riferire sui casi. Le strutture sanitarie che si prendono cura dei neonati dovrebbero familiarizzare con i segni e i sintomi dell’echovirus e mantenere la vigilanza per potenziali infezioni ed epidemie associate all’assistenza sanitaria”, esorta l’agenzia Onu per la salute. 

Nel report l’Oms fa il punto sulle risposte di sanità pubblica messe in campo. E’ stata la Francia la prima ad allertarsi, il 5 maggio scorso. Dei 9 casi documentati, 6 si sono verificati nel 2022 (al ritmo di 2 a luglio, ottobre e dicembre) e tre casi nel 2023 (1 a gennaio e 2 ad aprile). Otto casi erano neonati prematuri (nati prima della 37esima settimana di gestazione) in 4 coppie di gemelli. Con la diffusione dell’alert Oms relativo alla Francia si è alzato il livello di attenzione in tutta l’area europea. Dall’ultimo aggiornamento, emerge il dettaglio delle altre infezioni rilevate da più Paesi. Ci sono i 7 casi italiani (oltre ai 5 descritti, si era in attesa di dati sui rimanenti due casi). E poi la Croazia ha segnalato un caso confermato di infezione da E-11 all’interno di un cluster di malattie enterovirali rilevate nei neonati nel giugno 2023, la Spagna ha comunicato due casi intercettati nel 2023, la Svezia ne ha segnalati 5 con 4 neonati colpiti da meningoencefaliti da E-11 tra il 2022 e il 15 giugno 2023, il Regno Unito ha segnalato due casi nel marzo 2023.  

Invece non rilevano nel 2022 e 2023 aumenti di sepsi neonatali da E-11 Austria, Belgio, Danimarca, Paesi Bassi e Norvegia. Gli enterovirus sono un gruppo di virus che possono causare varie malattie infettive e sono responsabili di epidemie annuali. La malattia è generalmente lieve, ma è stato riscontrato che può colpire i neonati in modo diverso e talvolta più grave rispetto ai bambini più grandi e agli adulti. Come altri enterovirus, le infezioni da E-11 sono associate a un ampio spettro di malattie, che vanno da lievi sintomi aspecifici a disturbi sistemici come eruzioni cutanee, malattie febbrili, fino a gravi disturbi neurologici, tra cui meningite, encefalite e paralisi flaccida acuta. E si è visto che può portare a gravi malattie nei neonati e nei lattanti – malattie infiammatorie, incluse gravi epatiti acute con coagulopatie – con elevata morbilità e mortalità. Il virus può essere trasmesso verticalmente da madre a figlio, aumentando la difficoltà di controllare le infezioni, fa presente l’Oms.  

 

Written by Adnkronos

È Wizz Air la compagnia aerea low-cost più sostenibile al mondo

Briatore difende Santanchè: “In un Paese normale le direbbero chapeau”