in

Instagram, con l’IA gli influencer possono creare versioni virtuali di loro stessi

(Adnkronos) – Instagram ha recentemente presentato “AI Studio”, una nuova funzionalità che consente ai creatori di contenuti di sviluppare chatbot AI personalizzati. Mark Zuckerberg, CEO di Meta, ha annunciato personalmente la novità, precisando che è attualmente in fase di test negli Stati Uniti. Durante il periodo di test, Zuckerberg ha spiegato che gli utenti potrebbero iniziare a vedere chatbot AI dei loro creatori preferiti e AI basate sui loro interessi. Al momento, questi chatbot saranno visibili principalmente nelle conversazioni di messaggistica e saranno chiaramente identificati come intelligenza artificiale. 

Zuckerberg ha condiviso alcuni video dimostrativi di conversazioni con questi chatbot creati dai creatori di contenuti. Visitando il profilo di un creatore su Instagram, gli utenti potranno iniziare una conversazione cliccando sul pulsante “Messaggio”. Una notifica in cima alla chat informerà che i messaggi sono generati dall’AI e avviserà che alcuni potrebbero essere inaccurati o inappropriati. Meta ha deciso di inserire il bollino “AI” davanti al nome del creatore e, almeno per ora, un’etichetta “beta” dopo il nome della persona. “Abbiamo collaborato strettamente con i creatori per sviluppare queste AI in modo che possano rispondere alle domande dei loro follower e interagire in maniera divertente e utile,” ha dichiarato Zuckerberg. “Siamo solo agli inizi e questa è la prima versione beta, quindi continueremo a lavorare per migliorarle e renderle disponibili a un numero maggiore di persone in futuro.” 

In un’intervista recente, Zuckerberg ha approfondito la strategia dell’azienda in merito all’intelligenza artificiale. Ha affermato: “Crediamo che le persone vogliano interagire con molteplici individui e aziende e che sia necessario creare numerose AI diverse per riflettere i vari interessi della gente.” Meta intende permettere ai creatori e, in futuro, anche alle piccole imprese di “creare una propria AI” per interagire con le loro comunità e clienti. “Pensiamo che questo offrirà un’esperienza molto più coinvolgente e dinamica rispetto all’avere un’unica AI utilizzata da tutti.” Zuckerberg ha inoltre detto che Meta permetterà agli utenti di creare personaggi AI che non necessariamente rappresentano loro stessi. 

Written by Adnkronos

Inside Out 2, c’è un po’ di Final Fantasy nel capolavoro Pixar

Giornalisti USA fanno causa all’intelligenza artificiale di Microsoft e OpenAI