in

‘Missitalia’, a marzo il nuovo romanzo di Claudia Durastanti

(Adnkronos) – A cinque anni dall’exploit di La straniera, finalista al Premio Strega, tradotto in più di 25 paesi e tra i migliori libri del 2022 per il New Yorker, a inizio marzo torna in libreria Claudia Durastanti con ‘Missitalia’. Un romanzo corposo, 400 pagine, in cui la scrittrice racconta più storie scandite nel tempo ma che hanno come fulcro ‘geografico’ la Lucania: nella prima Amalia Spada è un’avventuriera lontana dai tumulti che agitano l’Italia che sta prendendo forma: la sua casa tra i calanchi lucani diventa un rifugio per creature diseredate e ribelli in cerca di una nuova vita, per ragazze selvatiche e uomini dalla forza mozzata. Invece negli anni del Dopoguerra e della corsa all’energia, una giovane antropologa di nome Ada esplora la Basilicata del sortilegio e del petrolio mentre scopre le mutevoli incarnazioni dell’amore. Muovendosi tra centri di potere e impianti d’estrazione, Ada si ritrova invischiata in un Sud perturbante e magnetico che rivoluziona il corso della sua esistenza.  

Cento anni più tardi, la Lucania è diventata la base per la colonizzazione della Luna: da qui partono le navicelle dell’Agenzia Spaziale Mediterranea dirette al Mondo Nuovo. In questo insediamento avveniristico, si trova A, una donna solitaria e libera che ridà vita a oggetti non più desiderati per conto dell’Agenzia. Nel suo passato c’è stato un marito, ma anche il bisogno di andare lontano; nel suo presente, la voglia di conciliarsi con l’idea della fine.  

Come spiega l’editore – La Nave di Teseo – “Missitalia è un romanzo che, di fronte alla Storia, sceglie di raccontarne una propria: è una feritoia sulle possibilità taciute o soltanto immaginate nel tempo”. 

Written by Adnkronos

Consegnato al Museo di Bassora il ‘Toro di Nimrud’, dono dell’Italia all’Iraq

Trattori, Uniti si vince: “Ue ci ripensa su agrofarmaci? E’ grazie a ribellione”