in

Mondiali nuoto Fukuoka 2023, Italia d’oro nella staffetta mista

(Adnkronos) – Italia medaglia doro nella staffetta mista 4×1.500 metri ai mondiali di nuoto 2023 in corso a Fukuoka, in Giappone. La squadra azzurra – composta da Barbara Pozzobon, Ginevra Taddeucci, Domenico Acerenza e Gregorio Paltrinieri – ha chiuso con il tempo di 1:10:31.20, precedendo di oltre 4 secondi l’Ungheria. Australia e Germania hanno lottato per il bronzo e l’Australia ha chiuso con un tempo di soli due decimi di secondo superiore. 

Con un’altra vittoria, la staffetta tedesca in acque libere avrebbe stabilito un record ai Mondiali, avendo vinto tutte le precedenti gare in acque libere: nessuna nazione ha mai vinto tutte le gare in acque libere in un singolo Mondiale.  

L’Italia, al primo successo nella prova con questo format, trionfa in 1h10’31″2 precedendo l’Ungheria (1h10’35″2) e l’Australia (1h11’26″7). La staffetta azzurra schiera inizialmente Pozzobon, che gira al nono posto a +1’10 dalla testa. Taddeucci a 2.5 km ha un margine rassicurante sulle rivali più temibili. Gli azzurri, con Acerenza in acqua, sono nel gruppo dei favoriti. La volata finale è affidata alle braccia e alle gambe di Paltrinieri, che fa il vuoto rispetto alla concorrenza e conquista l’oro.  

“Siamo contentissimi, è la prima volta che conquistiamo l’oro ai mondiali. Abbiamo vinto tutto e tutti nel corso degli anni, ma questa medaglia ci mancava e ci tenevamo moltissimo. In gara abbiamo fatto strategia a bomba. Ieri abbiamo studiato gli avversari, i percorsi, i ritmi, i tempi. Siamo stati tutti bravi. Le ragazze a mantenere posizione e seguire rotte e scie giuste. Poi Acerenza mi ha dato il cambio giusto”, dice Paltrinieri. “Avevo chiesto a Mimmo si farmi partire primo, in testa, non dietro né all’ Ungheria né alla Germania. Ci è riuscito e io ho tenuto botta. Il mondiale non era iniziato nel modo giusto, senza medaglie e pass olimpico, ma la condizione è cresciuta nel tempo. Sappiamo quanto siamo forti. Dobbiamo provare ad esprimerlo sempre, malgrado le difficoltà, anche se obiettivamente il progetto fondo sta andando benissimo. Questa medaglia ne è la dimostrazione. Abbiamo sognato tante volte di vincere l’oro ai mondiali come squadra e finalmente ci siamo riusciti”, aggiunge 

“Abbiamo ribaltato onde e avversari. Siamo stati fantastici. Pozzobon e Taddeucci hanno gestito le frazioni, facendomi partire senza un distacco clamoroso. Io ho gestito bene le correnti. Sapevo che ogni secondo era importante, così negli ultimi 50-60 metri ho messo le gambe a tutta. Sapevo che era l’ultimo sprint del mondiale e ho lasciato tutte le energie in acqua per accontentare Paltrinieri che mi aveva chiesto di partire in testa. Poi lui ha chiuso alla grande. Dopo il cambio ero quasi sicuro del successo, ma finché non tocchi può succedere di tutto ed il mare oggi era difficile; é stato importante valutare bene le correnti, evitare ostacoli, adeguarsi. La frazione di Greg é stata infinita. La cosa bella è cantare l’inno di Mameli tutti insieme. Da squadra, con la squadra. C’é unione, forza, compattezza. L’Italia è forte”, le parole di Acerenza al sito della Federnuoto. 

“Wow, che emozione. Siamo campioni del mondo. Non abbiamo lasciato nulla al caso. Cambi perfetti. Sintonia totale. Gara eseguita come studiata. C’è tanta soddisfazione. Sono riuscita a tenere la scia di Leonie Beck e dare un buon cambio ad Acerenza. Siamo uno squadrone”, esulta Taddeucci. 

“Sono contentissima, è la prima volta che nuoto la staffetta e ho conquistato subito la medaglia d’oro. Per me che provengo dalle gare più lunghe è stato davvero un campionato del mondo esaltante. Ho tratto consapevolezza e determinazione. Partire subito forte coi maschi non é stato facile, però sono riuscita a seguire le loro scie e a dare un buon cambio. Il resto l’ha fatto la squadra di cui è un onore essere parte”, chiosa Pozzebon. 

Il Setterosa perde 16-12 lo scontro diretto per il primato del girone C contro le vice-campionesse europee della Grecia ai mondiali di Fukuoka, in Giappone. Ora l’Italia giocherà gli ottavi di finale contro la terza del girone D (probabilmente la Nuova Zelanda) sabato 22 luglio alle 10 italiane, le elleniche accedono invece direttamente ai quarti. 

Subito sotto nel punteggio, l’Italia recupera fino al 5-4. Poi un rigore dubbio allo scadere del primo tempo (l’arbitro Peris sta cinque minuti al var) consente alla Grecia di aprire un break di 4-0 tra primo e secondo tempo che indirizza la partita. Attacco che non incide (sbagliate due occasioni in doppio extraman) e mancata capacità di reagire ai colpi di Eleftheriadou (tris e mvp) e compagne. 

La Grecia, che aveva battuto le azzurre in semifinale europea a Spalato, ha sempre gestito il vantaggio andando avanti anche di sei reti. Per il Setterosa ora pronta reazione al prossimo turno, preludio di un quarto di finale da brivido con le triolimpioniche degli Stati Uniti. 

L’Italy team free si qualifica per la finale ai mondiali di Fukuoka, in Giappone. Le azzurre del nuoto sincronizzato accedono alla finalissima in programma domani (ore 12.30) con il settimo punteggio di 233.1010 e qualche errore di troppo. 

Volti scuri all’uscita dalla vasca, un po’ di delusione per i tre base mark in tre ibridi e altri errori personali. Con le penalità il DD (total degree of difficulty) scende dal 45.99 iniziale al 31.88 effettivo e il moltiplicatore ovviamente diminuisce. Linda Cerruti, Sofia Mastroianni, Lucrezia Ruggiero, Francesca Zunino, Giulia Vernice, Marta Iacoacci, Isotta Sportelli ed Enrica Piccoli ricevono 116.9110 per gli undici elementi (4 acrobatici e 7 ibridi) e 116.9500 per l’impressione artistica (coreografia e musica, performance e transizione). 

Le azzurre sono le stesse otto che due giorni fa hanno conquistato l’argento tecnico; tre di loro, Cerruti, Iacoacci e Piccoli, erano già nel team tech di bronzo e nel free quinto al mondiale di Budapest 2022; loro tre più Zunino, che era riserva nel tech e titolare nel free, facevano parte anche della squadra dello spettacolare bis d’argento agli Europei di Roma 2022. 

 

Written by Adnkronos

Da Antitrust istruttoria su biglietti Colosseo

Tour de France 2023, oggi 18esima tappa: programma, percorso, altimetria