in

Nasce Pnt Italia, realizzerà piattaforma nazionale telemedicina

(Adnkronos) – Dopo l’aggiudicazione della concessione Agenas per la progettazione, realizzazione e gestione della Piattaforma nazionale di telemedicina, Engineering, leader nella digitalizzazione dei processi per aziende e Pa, e Almaviva, gruppo italiano di innovazione digitale, hanno costituito la società di progetto Pnt Italia, che rappresenta il primo, importante, passo per la realizzazione del Piano telemedicina previsto dal Pnrr. 

Già operativa, Pnt Italia è società a responsabilità limitata ed è costituita per il 60% da Engineering, gruppo con una profonda esperienza nelle tecnologie a supporto del sistema sanitario italiano e avanzate competenze nella telemedicina, e per il 40% da Almaviva, società che da decenni affianca il ministero della Salute e importanti amministrazioni regionali con radicate competenze di dominio e tecnologiche in ambito eHealth, riferisce una nota congiunta Engineering e Almaviva. Alla presidenza di Pnt Italia Dario Buttitta, Executive vice president Pa & Healthcare di Engineering; Amministratore delegato è Antonio Amati, direttore generale della divisione IT di Almaviva; Direttore tecnico Giuseppe Sajeva, director of Pnt Special Projects di Engineering.  

La durata della concessione Agenas per la realizzazione e gestione della Piattaforma nazionale di telemedicina è di 10 anni ed è organizzata in tre fasi: la fase di ‘Start U’, in corso, si concluderà entro novembre 2023 con il collaudo e l’attivazione della Piattaforma; seguirà una fase di ‘Avvio e Consolidamento’ della durata di 2 anni, che finirà entro novembre 2025; da dicembre 2025 verrà avviata la fase di ‘Gestione a regime’ fino al termine della concessione, in cui la Piattaforma continuerà a incrementare i suoi servizi, in linea con le evoluzioni della sanità digitale. 

La Piattaforma nazionale di telemedicina (Pnt) è la soluzione ‘Cloud Native’ per la governance e il monitoraggio dei processi di Telemedicina attuati a livello regionale che, raccordandosi con gli ecosistemi digitali specifici di ogni Regione, ne valorizza gli investimenti già attuati o programmati nel panorama dei contesti locali. Una volta avviata – conclude la nota – la Pnt consentirà l’efficientamento e l’omogeneizzazione di nomenclature, tassonomie, codifiche a livello nazionale, favorendo una maggiore integrazione tra i servizi sanitari regionali e migliorando la qualità e l’accesso alle cure per le persone su tutto il territorio nazionale in linea con gli obiettivi indicati dal Pnrr in ambito sanità digitale. 

Grazie a un’impostazione architetturale coerente con i principi di affidabilità, flessibilità, robustezza, riuso, indicati da AgID, la Piattaforma pone al centro la sicurezza dei dati dei cittadini in un’ottica di accessibilità, inclusione, efficienza e risparmio. La Piattaforma nazionale di Telemedicina viene realizzata garantendo un forte orientamento all’integrazione e all’interoperabilità con i sistemi dispiegati a livello nazionale e, al tempo stesso, mantenendo una spiccata indipendenza, scalabilità e facilità di integrazione con gli attuali e futuri ecosistemi digitali sia regionali che nazionali coinvolti, conclude la nota. 

Written by Adnkronos

Diversità e inclusione, Guidi: “La disabilità sia una risorsa nel lavoro”

Deruta, Franco Venanti chiude la mostra “Dall’ordine all’entropia”