in

Olivicoltura, i migliori professionisti si incontrano a Spoleto per definire il futuro sostenibile del settore

Lunedì 3 luglio Costa d’Oro ospita nella sua sede la prima riunione fisica della Planet O-live Academy per arrivare alla definizione del “Manifesto della produzione sostenibile”. Conferenza in programma alle ore 10. Il pomeriggio, alle ore 15.30, inaugurazione del particolare dell’opera “Germinazione della Pace” donata al Comune

SPOLETO – Istituzioni locali, attori della filiera olivicola italiana, migliori Università e la Planet O-live Academy saranno tutti sullo stesso tavolo per definire le migliori pratiche per l’olivicoltura, che siano utili anche e soprattutto alla qualità e alla resa del prodotto e alla sostenibilità economica, ambientale e sociale.

A chiamarli a raccolta per la definizione del “Manifesto della produzione sostenibile”, in arrivo entro il 2024, è l’azienda Costa d’Oro di Spoleto che lunedì 3 luglio nella sua sede (via Crispino Merini, n.1) ha organizzato un incontro pubblico a partire dalle ore 10.   

Ad aprire la giornata, dopo il saluto delle istituzioni da parte del sindaco di Spoleto Andrea Sisti e dell’assessore comunale al turismo e sviluppo economico Giovanni Angelini Paroli, sarà l’intervento del direttore generale di Costa d’Oro Pascal Pinson. A seguire interverranno: Ivano Mocetti (presidente Costa d’Oro), Maurizio Servili (Dipartimento di Scienze Agrarie Alimentari e Ambientali dell’Università degli studi di Perugia), Luca Sebastiani (Centro di ricerca in produzioni vegetali Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa), Gianfrancesco Petroni (direttore di Assoprol). A moderare l’incontro sarà il giornalista Maurizio Pescari.

A seguire ci sarà la visita della Costa d’Oro, per un percorso itinerante tra i dipartimenti raccontato dalla voce dei dipendenti, per terminare con un pranzo a cura di Giorgione.

La giornata sarà anche l’occasione per sancire la vicinanza di Costa d’Oro alla città di Spoleto con l’inaugurazione (alle ore 15.30), alla presenza del sindaco Andrea Sisti e dell’assessore comunale al turismo e sviluppo economico Giovanni Angelini Paroli, del particolare dell’opera “Germinazione della Pace” di Giuseppe Carta che l’azienda ha donato al Comune e che è esposta lungo il percorso della scala mobile della Ponzianina, all’uscita “Duomo”.

COSTA D’ORO – Nata nel 1968 a Spoleto, oggi è il quarto brand di olio in Italia, conosciuto e apprezzato anche all’estero per la qualità del suo prodotto. Nel 2018 l’azienda entra a far parte del Gruppo Avril, terzo gruppo di olio d’oliva di marca nel mondo, la cui Ragion d’Essere, “Servir la Terre”, si abbina alla perfezione ai valori di Costa d’Oro.

Written by Redazione

Wagner, stop operazioni per un mese. Da Russia 17 miliardi a Prigozhin

“Tuberturismo: economia, ricerca e cultura” a Pietralunga