in

Petruzzelli (Favo), ‘pazienti vaccinati presso strutture che li hanno in cura’

(Adnkronos) – “I vaccini vanno visti oggi come parte integrante della cura e se sono parte integrante della cura devono diventare parte integrante del sistema. E se devono diventare parte integrante del sistema devono stare, nel caso dell’oncologia, probabilmente assieme alle reti oncologiche. Sottolineo, però, che è importante delineare anche dei percorsi operativi: i pazienti ci dicono che preferiscono essere vaccinati presso la struttura che li ha in cura e quella è la scommessa che dobbiamo andare a vincere, perché se la vaccinazione è parte del percorso di cura, probabilmente è lì che dovremmo farla”. Così Davide Petruzzelli, consigliere della Federazione delle associazioni di volontariato in oncologia (Favo) e presidente de ‘La lampada di Aladino Ets’, oggi a Roma, a margine del convegno “Frames – Messa a fuoco sull’Herpes Zoster. Nuove prospettive di prevenzione nel paziente oncologico”, promosso da Gsk. 

“Noi, come associazione- aggiunge Petruzzelli – siamo portatori di quella che definisco sempre la ‘scienza laica’ quindi di chi è passato attraverso il problema, oggi è qui a raccontarlo, e cerca di dare il proprio contributo. E’ un qualche cosa di importante e di determinante, perché attraverso l’esperienza di chi c’è passato e l’ha affrontato – osserva – possiamo offrire un aiuto per disegnare dei percorsi che non siano solo raccomandazioni ma sono anche percorsi operativi, nel pratico, su come effettivamente andarsi a vaccinare”.  

Sul fronte della protezione dall’Herpes Zoster per i pazienti oncologici, “io parlo di qualità della vita e quindi- domanda Petruzzelli – perché non prevenire quello che è prevenibile attraverso un vaccino che ha un profilo di sicurezza eccellente, pochissima tossicità e che ci permette di scansare una delle tante problematiche che arrivano durante il percorso oncologico? Oggi – ricorda – abbiamo tanti vaccini per aiutare i pazienti a mantenere la qualità della vita e, su questo, dobbiamo lavorare. Bisogna essere informati, consapevoli, avere dei percorsi – sia organizzativi sia di raccomandazioni – e alla fine tutto questo patrimonio di informazioni va raccontato in maniera comprensibile per le persone. Dobbiamo crederci anche noi che facciamo comunicazione – conclude – perché diventa una parte determinante per il successo di questa operazione”.  

Written by Adnkronos

Energia, decarbonizzazione gas combustibili: accordo Enea-Assogasliquidi

Scoperta prima variante genetica che accelera la sclerosi multipla