in

Premio Bancarella 2023, vince Francesca Giannone

(Adnkronos) – Il romanzo “La portalettere” della scrittrice pugliese Francesca Giannone (Editrice Nord) ha vinto la 71esima edizione del Premio Bancarella con 172 voti su 179 totali, assegnato nel corso della cerimonia di premiazione pubblica che si è svolta in piazza della Repubblica, come da tradizione, a Pontremoli (Massa Carrara). Gli altri finalisti erano: Massimo Cotto con “Il re della memoria” (Gallucci Editore), Davide Cossu con “Il quinto sigillo” (NewtonCompton), Bea Buozzi con “L’anno delle parole ritrovate” (Morellini Editore), Sandro Neri con “Gaber” (Hoepli), Federica De Paolis con “Le distrazioni” (Harper Collins). 

Il romanzo di Francesca Giannone è ambientato nel paese natale dell’autrice, Lizzanello, nel Salento, dove nel giugno del 1934 arriva dal Nord Anna, che per sempre rimarrà per tutti “la forestiera”, con il marito Carlo, originario del Sud, che invece torna a casa. Un anno dopo, nel 1935, Anna fa qualcosa di davvero rivoluzionario: si presenta a un concorso delle Poste, lo vince e diventa la prima portalettere di Lizzanello. La notizia fa storcere il naso alle donne e suscita risatine di scherno negli uomini. “Non durerà”, maligna qualcuno. E invece, per oltre vent’anni, Anna diventerà il filo invisibile che unisce gli abitanti del paese. Prima a piedi e poi in bicicletta, consegnerà le lettere dei ragazzi al fronte, le cartoline degli emigranti, le missive degli amanti segreti. Senza volerlo – ma soprattutto senza che il paese lo voglia – la portalettere cambierà molte cose, a Lizzanello. 

Monica Marangoni, conduttrice della cerimonia con Davide Combusti in arte ‘The Niro’, ha proclamato la vincitrice al termine dello spoglio delle schede dei giurati da parte del notaio Sara Rivieri. Il premio raffigurante San Giovanni di Dio è stato consegnato dal sindaco di Pontremoli, Jacopo Ferri, dal prefetto di Massa Carrara, Guido Aprea, dal presidente della Fondazione Città del Libro, Ignazio Landi, dal segretario del Premio, Giuditta Bertoli. 

La cerimonia del 71esimo Premio Bancarella è stata preceduta dalla consegna del Premio Bancarella Sport: la 60/esima edizione è stata vinta dal libro “Una vita in alto” (Rai Libri) di Sara Simeoni, scritto con il giornalista Marco Franzelli. La campionessa olimpica 1980 del salto in alto, con 140 voti, ha distanziato di quindici lunghezze, “Un gioco da ragazzi” (Rizzoli) di Bruno Conti e Giammarco Menga. 

Written by Adnkronos

Ascolti tv, ‘Scomparsa’ in replica vince il prime time

Mondiali nuoto Fukuoka 2023, tuffi: Bertocchi-Pellacani bronzo nel sincro. Programma di oggi 17 luglio