in

“Putin non ucciderà Prigozhin”, la ‘promessa’ di Lukashenko

(Adnkronos) –
Dov’è Yevgeny Prigozhin? In Bielorussia? O a casa sua a San Pietroburgo, tra lingotti e armi? Il capo della Wagner, a due settimane dalla rivolta che si è fermata a 200 km da Mosca e dal Cremlino di Vladimir Putin, è un’ombra. 

Tra voci di esilio a Minsk e news secondo cui avrebbe recuperato armi e soldi, le ipotesi si rincorrono. “Se pensate che Putin sia così malizioso e vendicativo da ‘spazzarlo via’ domani, no, questo non accadrà”, dice il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko, che 15 giorni fa ha svolto il ruolo di mediatore riportando – a quanto pare – Prigozhin sulla retta via. La Wagner è stata sostanzialmente smantellata in Russia. Ma Putin, dice Lukashenko, non pianifica una vendetta. Non immediata, almeno. Anche per questo, quindi, Prigohzin “è a San Pietroburgo” secondo il presidente bielorusso, magari nella residenza in cui i servizi russi nei giorni della rivolta hanno trovato armi, denaro, lingotti d’oro e travestimenti assortiti. 

Il Cremlino formalmente si mostra disinteressato. “Non abbiamo né l’opportunità, né il desiderio” di seguire i movimenti di Evgheny Prigozhin, dice il portavoce di Putin, Dmitry Peskov. Il Cremlino assicura che continuano a essere valide le dichiarazioni di sabato scorso, quando Mosca e Minsk hanno discusso del trasferimento di Prigozhin in Bielorussia. 

Gli Stati Uniti osservano l’evolversi della situazione. La Casa Bianca non ha informazioni sul luogo in cui si trovi il leader e fondatore del gruppo Wagner. ”Non ho nuovi dettagli da fornire su dove si trovi o su qualsiasi altra cosa riguardante Prigozhin o il gruppo Wagner”, dice il vice portavoce della Casa Bianca Andrew Bates ai giornalisti, limitandosi ad affermare che Washington “continua a monitorare la situazione”. 

Un altro tassello al mosaico viene aggiunto da Jens Stoltenberg, segretario generale della Nato. “Abbiamo visto alcuni preparativi per ospitare ampi gruppi di soldati della Wagner in Bielorussia, ma finora non ne abbiamo visti molti andare in Bielorussia”, dice. E Prigozhin? “Si sta muovendo un po’ intorno”, dice, con una formula che non esclude e non conferma nulla. 

Written by Adnkronos

Santanchè e Delmastro, Meloni: “Squadra che vince non si cambia”. Ed è scontro con le toghe

Con «Mito» di Cettina Donato e Zoe Pia… sospesi fra le correnti dell’anima e dell’immaginario (Alfa Music 2023)