in

Santanchè e Delmastro, Anm: da Palazzo Chigi e ministero attacco a magistratura

(Adnkronos) – “Un attacco pesantissimo, ancora più insidioso perché riferito a fonti anonime”, a cui “sono seguiti due attacchi dal ministero della Giustizia”, Così, in apertura dei lavori del Comitato direttivo centrale, il presidente dell’Associazione nazionale magistrati, Giuseppe Santalucia, riferendosi agli interventi di Palazzo Chigi e di via Arenula sui casi del ministro Daniela Santanché e del sottosegretario alla Giustizia Andrea Delmastro. Si tratta di “critiche pesantissime” il tema è “la legittimazione della magistratura” e di “accuse gravissime, che colpiscono al cuore la magistratura”.  

“Stiamo occupando le cronache senza volerlo – afferma Santalucia -. Si parla di scontro tra politica e magistratura, è uno scontro non voluto che stiamo subendo” e che “si è innalzato senza che noi si sia fatto nulla”.  

“La magistratura – afferma – non ha alcuna voglia di alimentare lo scontro, ma quando il livello dello scontro si alza il silenzio sarebbe l’impacciato mutismo di chi non sa reagire a una politica che mostra i muscoli verso una istituzione di garanzia. Il silenzio sarebbe un arretramento, e noi non arretriamo davanti alla difesa della Costituzione”. 

Il sospetto è che le riforme costituzionali siano sbandierate non perché si crede servano a migliorare il sistema, ma come risposta di punizione nei confronti della magistratura. Se questo è, io chiedo con rispetto e umiltà di cambiare passo”, sottolinea Santalucia. 

Il ministro, ha ricordato, aveva assicurato che queste riforme “non sono in un orizzonte immediato” ma ora “ha detto che occorre accelerare sulla separazione delle carriere perché un giudice non è stato d’accordo con un pm”. Noi “vogliamo discutere di riforme che sembrano utili e di quelle che utili non ci sembrano, non interferiamo”, ha ribadito Santalucia.  

Written by Adnkronos

Incidente su Tangenziale di Foggia, un morto e due feriti

Ascolti tv, ‘Tali e Quali’ vince in replica