Strage via d’Amelio, Mattarella: “Resta incancellabile in coscienza civile”

(Adnkronos) – “Nell’anniversario della strage di via D’Amelio la Repubblica si inchina alla memoria di Paolo Borsellino, magistrato di straordinario valore e coraggio, e degli agenti della sua scorta – Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina, Claudio Traina – che con lui morirono nel servizio alle istituzioni democratiche”. E’ quanto dichiara il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel trentunesimo anniversario della Strage di via D’Amelio. 

“Quel barbaro eccidio, compiuto con disumana ferocia, colpì l’intero popolo italiano e resta incancellabile nella coscienza civile. Il nome di Paolo Borsellino, infatti, al pari di quello di Giovanni Falcone, mantiene inalterabile forza di richiamo ed è legato ai successi investigativi e processuali che misero allo scoperto per la prima volta l’organizzazione mafiosa e ancor di più è connesso al moto di dignità con cui la comunità nazionale reagì per liberare il Paese dal giogo oppressivo delle mafie”, prosegue il capo dello Stato.  

“Borsellino e Falcone avevano dimostrato che la mafia poteva essere sconfitta. Il loro esempio ci invita a vincere l’indifferenza, a combattere le zone grigie della complicità con la stessa fermezza con cui si contrasta l’illegalità, a costruire solidarietà e cultura dove invece le mafie puntano a instillare paura. In questo anniversario, desidero rinnovare i sentimenti di cordoglio e vicinanza ai familiari di Paolo Borsellino e degli altri servitori della Stato che pagarono con la vita la difesa della nostra libertà”, dichiara ancora Mattarella. 

La premier Giorgia Meloni sarà oggi a Palermo, alla caserma Lungaro, dove renderà omaggio al giudice Borsellino e agli agenti di scorta uccisi nella strage di via D’Amelio. Con Meloni sono attesi anche il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi e il capo della Polizia Vittorio Pisani. Subito dopo Meloni presiederà un Comitato per l’ordine e la sicurezza in Prefettura. 

“Non posso che essere profondamente orgogliosa del fatto che il governo che oggi presiedo abbia avuto, dal suo primo giorno, la determinazione e il coraggio necessario ad affrontare il cancro mafioso a testa alta. Sono i fatti a dimostrarlo. Abbiamo messo in sicurezza presidi fondamentali come la restrizione dei benefici penitenziari, e se oggi boss mafiosi del calibro di Matteo Messina Denaro sono detenuti in regime di 41 bis lo si deve esattamente a questo impegno”, sottolinea la premier in una lettera pubblicata sul ‘Corriere della Sera’.  

What do you think?

Written by Adnkronos

Caldo, i neurologi promuovono la siesta, ‘purché breve fa bene al cervello’

Strage Via D’Amelio, oggi il 31esimo anniversario