in

Superbonus, Tajani frena ancora: “Anche Giorgetti se ne farà una ragione”

(Adnkronos) – “Anche il ministro Giorgetti se ne farà una ragione perché prima di votare un emendamento che non è del Governo ma del ministero noi in Parlamento vogliamo valutare se è un emendamento che rispetta le regole fondamentai della nostra civiltà giuridica”. Così il vicepremier e ministro degli Esteri, Antonio Tajani, torna a parlare dell’emendamento del governo che prevede di spalmare su 10 anni i crediti del Superbonus. 

“La nostra civiltà giuridica prevede che non si possono approvare norme con effetto retroattivo e su questo anche l’amico Giorgetti se ne farà una ragione perché questa è la nostra civiltà giuridica e la nostra cultura giuridica”, sottolinea Tajani. 

“Il testo sul Superbonus rispetto a stanotte è migliorato – riconosce il vicepremier – resta il principio contro la nostra civiltà giuridica, dico no a norme retroattive, non si possono imporre nuove regole fiscali a persone che si sono comportate correttamente rispetto alle norme fiscali in vigore. Ripeto, il testo va migliorato, non si può minare rapporto fiducia tra chi intraprende e chi legifera nella seconda manifattura d’Europa”.  

“Non sottovaluto certo il peso del Superbonus sui conti pubblici, ma – insiste Tajani – non possono esserci norme contro chi ha rispettato la legge in passato, ero favorevole al Superbonus come misura, ma una cosa buona applicata male, diventa cattiva cosa, siamo ora passati dal 110% al 70%, si sono stretti i freni e si può farlo ulteriormente, ma dal giorno successivo all’approvazione della nuova norma, sennò si perde fiducia delle istituzioni” aggiunge il leader Fi che ha smentito frizioni con il ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti: “Si può anche non essere d’accordo su una norma, c’è stato dibattito anche tra Pichetto Fratin e Lollobrigida sui terreni agricoli, essere leali non significa essere omologati”. 

Written by Adnkronos

Eurovision Song Contest, Mazzi:”Angelina tieni alta nostra bandiera, siamo con te”

Corruzione Liguria, salta interrogatorio di Spinelli