in ,

Terni città d’arte umbra

Tra le verdi colline dell’Umbria e i misteriosi sentieri della storia, sorge una città che possiede l’anima di un capolavoro artistico in ogni sua pietra: Terni, il gioiello nascosto del cuore verde d’Italia. Non lasciatevi ingannare dalla fama industriale di questa affascinante località; qui si nascondono tesori inestimabili a due passi dalle antiche mura romane e dai dolci pendii dei Monti Martani. Immergetevi nell’affresco vivente dipinto da secoli di arte, cultura e tradizione ternana. Da Piazza Tacito al Duomo, dal Teatro Romano alle maestose Cascate delle Marmore – la più alta cascata artificiale d’Europa -, scoprite come convivono armoniosamente nel tempo gli edifici modernisti con le residenze medievali avvolte da geometrie perfette. Ascoltate il canto delle sirene umbre nelle viuzze acciotolate fatte risuonare dall’eco dei mestieri antichi, che sopravvivono grazie all’inventiva degli artigiani locali. Sentite sulla punta delle vostre papille gustative la ricchezza culinaria d’un territorio generoso nei suoi sapori autentici serviiti su piatti prelibati nella cornice intatta della natura selvaggia circostante.

La Cattedrale di San Salvatore: un tesoro architettonico

La Cattedrale di San Salvatore, situata nella piazza principale di Terni, è uno dei tesori architettonici della città. La sua costruzione iniziò nel VI secolo d.C., ma subì numerosi interventi e ampliamenti nel corso dei secoli successivi. Il risultato oggi è un mix di stili e influenze, che rendono la cattedrale unica e affascinante. L’esterno del edificio è caratterizzato da un mix tra lo stile romanico e quello gotico. La facciata principale è imponente ma semplice, con tre portali ad arco. Il portale centrale è adornato con bassorilievi che rappresentano scene bibliche. Al di sopra del portale centrale si trova una grande finestra a rosone, tra due torri campanarie. L’interno della cattedrale è a croce latina e comprende tre navate. Le colonne in marmo bianco con capitelli decorati separano le navate e sostengono gli archi a tutto sesto. Le pareti sono decorate con affreschi e dipinti che raffigurano episodi della vita di Cristo e degli apostoli. Uno degli elementi più spettacolari della cattedrale è la cripta. Risalente all’XI secolo, la cripta è stata utilizzata come luogo di sepoltura per i vescovi di Terni. All’interno si trovano affreschi che rappresentano scene della vita di san Valentino, patrono della città. La cattedrale ospita anche numerosi tesori preziosi, tra cui il polittico di Niccolò di Liberatore detto l’Alunno, un capolavoro dell’arte rinascimentale umbra. Il polittico è composto da nove tavole, che rappresentano scene della vita di Gesù e dei santi. Altre opere d’arte includono la statua di San Valentino, opera di Francesco Picchiatti, e il pulpito in marmo bianco decorato con bassorilievi. La cattedrale di San Salvatore è un luogo sacro ma anche un museo d’arte. La bellezza dell’architettura e delle opere d’arte la rendono una delle principali attrazioni turistiche di Terni e un luogo di culto importante per i fedeli della regione. La cattedrale è aperta al pubblico tutti i giorni dell’anno e la visita è gratuita.

Le bellezze naturali del Parco Fluviale Nera e della Cascata delle Marmore

Il Parco Fluviale Nera e la Cascata delle Marmore rappresentano una delle maggiori attrattive naturali della città di Terni e del suo territorio. Il Parco Fluviale segue il corso del fiume Nera per circa 30 chilometri, attraversando un territorio vario e ricco di bellezze naturalistiche, come le suggestive gole del Nera, caratterizzate da scogliere a picco sul fiume e da una folta vegetazione che arriva fino alle rive del fiume. Nelle acque del fiume Nera è possibile praticare diverse attività sportive, come la pesca, il kayak o il rafting. Ma senza dubbio la perla del Parco Fluviale è la Cascata delle Marmore, uno spettacolo naturale di rara bellezza. La Cascata viene alimentata dalle acque del fiume Velino che precipitano per circa 165 metri in tre salti distinti, creando un effetto scenico magnifico. Il microclima che si è creato attorno alla Cascata ha permesso lo sviluppo di una flora particolare, con specie di piante e fiori provenienti da climi diversi. L’area attorno alla Cascata è stata infatti dichiarata riserva naturale sin dal 1955. La Cascata delle Marmore può essere ammirata da differenti punti panoramici, tra cui il suggestivo Belvedere Inferiore, situato poco sopra al primo salto della cascata. Da qui si può godere di una vista mozzafiato sulla cascata e sulle gole del fiume. Ma per chi vuole vivere un’esperienza ancora più emozionante, è possibile prenotare una visita guidata che permette di avvicinarsi alla Cascata e di sentirne la potenza sulle proprie spalle. Il fascino della Cascata delle Marmore e del Parco Fluviale Nera è tale da attirare ogni anno migliaia di turisti da ogni parte del mondo. Ma non solo: l’area rappresenta anche una meta ideale per gli appassionati di attività all’aria aperta, come le escursioni in mountain bike, le camminate o le arrampicate sulle scogliere. Inoltre, il Parco Fluviale ospita diversi eventi culturali e musicali, che animano l’area durante tutto l’anno. In definitiva, il Parco Fluviale Nera e la Cascata delle Marmore sono un tesoro naturale che ha reso Terni una meta ambita dai turisti e dagli amanti della natura. La bellezza incontaminata dell’area rappresenta un patrimonio inestimabile da tutelare e preservare per assicurare alle future generazioni la possibilità di ammirarlo e di viverlo a pieno.

Il patrimonio storico-artistico dei Musei Diocesani e della Pinacoteca Comunale di Terni

Il patrimonio storico-artistico di Terni è ricco e variegato, e i Musei Diocesani e la Pinacoteca Comunale rappresentano due importanti tesori della città. I Musei Diocesani, situati all’interno del complesso della Cattedrale di Santa Maria Assunta, sono costituiti da una vasta collezione di opere d’arte sacra provenienti dalle chiese della diocesi di Terni-Narni-Amelia. Tra le opere più importanti conservate nei musei troviamo la Crocifissione di Bartolomeo di Tommaso, un capolavoro del tardo Trecento, e la Madonna con Bambino del Perugino, autore rinomato del Rinascimento umbro. La Pinacoteca Comunale, invece, è ospitata all’interno del Palazzo Gazzoli e ospita opere d’arte che vanno dal Trecento fino al Novecento. La collezione è stata arricchita grazie alle donazioni di artisti e collezionisti privati. Tra le opere più significative troviamo il Cristo morto sostenuto dagli angeli di Niccolò da Foligno, esempio di grande raffinatezza esecutiva, e l’Annunciazione di Nicolò Alunno, uno dei più importanti pittori del Quattrocento umbro. Inoltre, la Pinacoteca ospita anche opere di artisti contemporanei ternani, come Federico Zandomeneghi e Giuseppe De Nittis. Entrambi i musei permettono al visitatore di ammirare importanti opere d’arte in un contesto storico e culturale unico. La visita ai Musei Diocesani e alla Pinacoteca Comunale è un’esperienza indimenticabile per chiunque voglia scoprire la ricchezza artistica e culturale della città di Terni.

L’antica tradizione culinaria umbra nei ristoranti tipici ternani

L’Umbria è una regione famosa per la sua tradizione culinaria, ed in particolare la città di Terni è un vero e proprio scrigno di prelibatezze gastronomiche. Qui, negli antichi ristoranti tipici, è possibile gustare piatti tradizionali preparati seguendo le ricette della cucina umbra del passato. La prima cosa che salta subito all’occhio è la grande varietà di ingredienti utilizzati: dalle verdure ai legumi, dalla carne al pesce, tutto viene utilizzato con sapienza per creare piatti di altissimo livello e dal sapore unico. La cucina ternana, come quella umbra in generale, si basa su semplicità e genuinità degli ingredienti. Tra i piatti tipici più conosciuti vi sono i primi piatti a base di pasta fresca fatta in casa, come le tagliatelle con il sugo di cinghiale o la tipica “stracciatella alla spoletina”, a base di uova, pecorino e pepe nero. Ma anche i secondi piatti sono molto apprezzati, come il coniglio alla cacciatora, l’arrosto di maiale con patate e funghi porcini o ancora il famoso baccalà alla ternana. La tradizione culinaria umbra non si limita solamente ai piatti salati; anche i dolci sono una vera delizia per il palato. Tra i più famosi citiamo le “ciaramicole”, biscotti secchi a forma di ciambella aromatizzati al vino bianco, e i “crostoli”, dolcetti fritti a forma di nastri. Uno dei dolci più rappresentativi della cucina ternana è l'”anello di frittella”, un dolce a base di pasta lievitata fritto con olio, farcito con crema pasticcera e ricoperto di zucchero a velo. Durante il periodo estivo, poi, non si può non parlare della “sagra della lumaca”, una manifestazione tradizionale che si svolge ogni anno nella vicina città di Ferentillo. Durante questi giorni è possibile gustare le lumache cucinate secondo le ricette tradizionali: dalle lumache alla brace a quelle in umido, passando per le lumache alla cacciatora. Il tutto, naturalmente, accompagnato da un buon bicchiere di vino locale. In conclusione, se siete alla ricerca di una cucina genuina e dal sapore autentico, i ristoranti tipici ternani sono sicuramente la soluzione giusta. Qui potrete gustare i piatti della tradizione culinaria umbra, preparati con cura e passione dalle mani esperte dei cuochi locali. Un’esperienza indimenticabile per il palato e per l’anima.

Written by Redazione

Città di Castello città d’arte umbra

Foligno città d’arte umbra