in ,

Perugia, Donato (M5s): «La movida non va contrastata, ma ripensata nel rispetto di tutti affinchè animi la nostra città»

Riceviamo e pubblichiamo

PERUGIA – «L’approccio del centro destra di Perugia è quello di andare contro la movida in città.

Un approccio di per sé già tutto sbagliato. Invece che vietare a prescindere quella che, di fatto, è una positiva voglia di socialità da parte dei giovani, bisogna favorire una movida sana, intelligente, responsabile, sostenendo attività virtuose e promuovendo azioni parallele di rivitalizzazione delle ore serali della città e dello spazio pubblico per le diverse fasce d’età. Serve regolare e prevedere le giuste tutele per il rispetto e la sicurezza di tutti». Così Antonio Donato, coordinato del M5s Perugia sull’approvazione del regolamento attuativo della legge sul commercio da parte della Regione Umbria.   

«Questi annunci elettorali sono solo fuffa, perché una regolamentazione già esiste.  La sicurezza in particolar modo, ricordo, prevede già strumenti che sono in possesso anche del Prefetto che possono, ad esempio, in caso di rischio e pericolo per i cittadini, chiudere le attività commerciali problematiche.

Il M5s è a favore della movida notturna, perché altro non è che espressione di socialità, di arte e cultura che si fa forte di servizi, quali ad esempio il trasporto notturno, a favore di giovani e studenti. Le restrizioni non portano a nulla. A dimostrarlo il fatto che a Perugia, nonostante le strette soprattutto nel centro storico ma non solo, è ancora scenario di fatti incresciosi a danno della quiete pubblica, dei cittadini e del lavoro dei commercianti. Serve un piano strutturato affinché la movida notturna fiorisca in maniera positiva e animi finalmente la nostra Perugia. Questa è la nostra visione di città».

Written by Redazione

Ucraina, Zelensky e il messaggio agli Usa: “Sei mesi sprecati, Putin non aspetta”

Giornata mondiale Consapevolezza Autismo, la Basilica di Cascia si illumina di blu